Teoria ed esercizi per la Patente Nautica “SENZA LIMITI”

Questo manuale si compone di 2 volumi distinti e separati:
1) PARTE TEORICA + TUTTI GLI ESERCIZI SVOLTI;
2) ESERCIZIARIO «MUTO» PER LO SVOLGIMENTO AUTONOMO DI TUTTE LE PROVE DI CARTEGGIO MINISTERIALI.
Si tratta, quindi, di un nuovo modo di concepire la didattica nell’ambito della nautica da diporto, che però conserva i pregi della tradizione editoriale di Essebi Italia improntata su libri di semplice comprensione, con numerose illustrazioni a colori, schematicità di esposizione e di organizzazione didattica.
La PARTE (1) dell’opera si compone a sua volta di due distinte sezioni:
– una prima sezione (suddivisa in 5 Capitoli) in cui vengono richiamate le nozioni fondamentali di nautica necessarie allo svolgimento delle varie prove di carteggio. Al termine dei diversi argomenti sono inserite alcune significative prove di carteggio (sempre appartenenti al Data-base ministeriale), che vengono svolte quali esempi di applicazione delle nozioni illustrate nelle pagine precedenti.
In questa sezione, le nozioni di teoria proposte sono in parte già comprese nel nostro manuale per il superamento dei quiz generale, ma quella che potrebbe apparire come una ripetizione è dovuta a due giustificate ragioni:
A) il fatto che l’esame possa essere affrontato da chi già da anni ha conseguito la patente «entro» (che quindi difficilmente ricorderà le nozioni ai tempi apprese);
B) la necessità di approfondire maggiormente alcuni concetti base di carteggio che non sono, invece, fondamentali per la soluzione degli esercizi e dei quiz della parte «entro».
– una seconda sezione (suddivisa in 4 Capitoli) in cui vengono riportate e risolte tutte le restanti prove di carteggio appartenenti al Data-base ministeriale.
La PARTE (2) dell’opera è invece costituita da un’eserciziario «muto» che riporta, in 4 sezioni, tutte e 135 le prove d’esame proposte dal data-base ministeriale. Essendo concepito per la pura esercitazione, così da testare il proprio grado di preparazione, su questo libro non viene riportata alcuna spiegazione. Quindi, in ogni pagina, sono riportati
gli estremi identificativi di due quesiti, più precisamente (andando dall’alto verso il basso):
• il numero dell’esercizio, così come proposto dal data-base ministeriale, e il numero di carta nautica dell’IIMM di riferimento, 5D o 42D; ad esempio: «Prova di carteggio n. 14C (carta nautica 5D)»;
• lo «stralcio» di carta (estratto dalla 5D o dalla 42 D) necessario e sufficiente alla soluzione del problema;
• il testo completo dell’esercizio, così come proposto dal data-base ministeriale;
• il numero di pagina (riferito al libro della Parte 1) sulla quale il candidato potrà verificare la correttezza del proprio operato, oppure trarre importanti suggerimenti per la soluzione, nel caso il quesito non fosse ancora «a portata» delle conoscenze acquisite.
Per utilizzare questo eserciziario si deve essere dotati dei classici strumenti di carteggio: compasso a punte secche, matita 2B, gomma, squadrette nautiche, piccola calcolatrice.
Nelle pagine finali è comunque presente una tabella contenente i risultati «esatti» e «con tolleranze» degli esercizi stessi.
Operativamente, quindi, si consiglia il candidato di affrontare prima i singoli capitoli di teoria, esaminando poi con attenzione gli esempi di esercizi risolti per comprendere i metodi di lavoro necessari alla soluzione delle differenti problematiche (determinazione della quantità di carburante da imbarcare, determinazione della rotta, valutazioni
degli effetti di vento e corrente sulla navigazione, determinazione del punto nave tramite l’osservazione dei punti cospicui sulla costa, determinazione della rotta di intercettazione di unità in avaria, ecc.).
Alla fine del percorso di apprendimento delle nozioni si potrà poi passare alla PARTE 2, provando a risolvere senza l’aiuto del libro di teoria i singoli esercizi d’esame.