La circolazione stradale costituisce materia di studio di grande complessità, ma anche di grande interesse, e le tematiche connesse sono di importanza strategica nel sistema sociale ed economico del Paese. Uno studio sistematico di tutti i temi che ruotano intorno all’attività normativa della circolazione stradale porta a considerare questa, non – semplicisticamente - come una mera branca del diritto dei trasporti. Invero, può riconoscersi, al diritto della circolazione stradale dignità di autonoma disciplina, che deve essere approcciata con metodologie e sistematiche sue proprie, e caratterizzata da una composita multidisciplinarietà. Si pensi tanto per evidenziare solo qualche settore: all’ambito processuale e alle migliaia di cause pendenti, sia in sede penale, civile e amministrativa, in materia soltanto di infortunistica stradale, alla rilevanza economica e sociale dell’autotrasporto, agli aspetti tecnici della omologazione o della trasformazione dei veicoli, alle esigenze di mobilità degli utenti deboli ma anche dei pendolari, di tante categorie di lavoratori o anche di turisti, agli aspetti tributari, ai criteri di progettazione e manutenzione delle strade. Queste sono solo alcune delle considerazioni che giustificano lo studio della circolazione stradale anche in ambito universitario, come materia di approfondimento per un operatore del diritto che voglia dedicare il suo interesse ad un argomento che impatta con il diritto pubblico, penale, civile, tributario, processuale, dell’Unione europea e con discipline esterne al diritto quali, principalmente, l’ingegneria. La materia peraltro, è un continuo “work in progress”, in cui i frequenti interventi normativi del legislatore nazionale e unionale, gli accordi internazionali e le pronunce giurisprudenziali, impongono da una parte, costanti aggiornamenti e approfondimenti, e dall’altra offre sbocchi professionali di notevole spessore, nell’ambito forense sia civile, che penale, che amministrativo, nell’ambito della pubblica amministrazione, nell’ambito del settore della consulenza, soprattutto per quel che concerne l’autotrasporto. Il testo Principi di diritto della circolazione stradale è stato elaborato da Francesco Foresta, funzionario della Direzione Generale per la Motorizzazione e docente a contratto di diritto della circolazione e dell’infortunistica stradale presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Macerata, al fine di offrire una panoramica della disciplina in materia, che non si basa solo sul codice della strada, ma su altri atti normativi primari e secondari, oltre che su interpretazioni fornite dalle amministrazioni competenti con pareri e circolari nonché, in ultimo, su sentenze giurisprudenziali.